Marionette e teatrino, una storia da raccontare e un tono di voce coinvolgente!

Viviamo nell’epoca dei tablet, dei giochi elettronici e dei cartoni animati che in televisione di possono guardare in ogni fascia oraria, ma l’intramontabile fascino delle storie narrate con le marionette e teatrino è una magia che tutti, grandi e piccini, dovrebbero prima o poi assaporare. Raccontare una storia ai bambini con il teatrino e burattini significa non perdere l’incanto della magia e il teatro, la drammatizzazione, aiutano i bambini a esprimere i propri sentimenti, a conoscere lo spazio e il proprio corpo insieme al suo linguaggio.

Per prima cosa devi assicurarti di avere a portata di mano: delle marionette e teatrino, uno storia da raccontare e un tono di voce coinvolgente.
Pensate ad una storia da raccontare, se non avete idee potete prendere spunto dalle favole classiche oppure da un libro che trovata in casa, ancor meglio se è il suo preferito. Fate sedere i bambini dinanzi al teatrino e spiegate loro che durante il racconto devono restare seduti e stare attenti perché i burattini faranno loro delle domande, in questo modo attirerete la loro attenzione.

Guardate quante idee in carta, legno e stoffa!

È molto importante che per un’ottima riuscita del teatrino, ci sia appunto l’interazione con i piccoli. Durante il racconto sarebbe perfetto che i bimbi si sentissero indispensabili ed utili: per far questo basta un piccolo trucchetto, ossia si può dir loro che i pupazzi hanno bisogno del loro aiuto e della loro collaborazione.

Per fare in modo che la storia raccontata con i burattini sia credibile e che i piccini si sentano coinvolti, potete procedere in molti modi: potrebbe essere una buona idea farli partecipare ad uno scherzo a discapito di una marionetta antipatica facendo fare ai bimbi, per esempio, una pernacchia tutti insieme, oppure facendoli addormentare “per finta” quando esce un burattino super-chiacchierone.

Un altro suggerimento è quello di invitare i bambini a darsi tra loro la mano in modo che si formi una “catena magica” per aiutare un vecchio mago che non ricorda più le formule e ha bisogno del loro intervento. I trucchetti si studiano in base alla storia, ci vuole solo un pizzico di fantasia e molta partecipazione dei piccini, il tono del narratore dev’essere inoltre sempre coinvolgente!

Per questo penso che tutti i bimbi dovrebbero avere un teatrino in casa. Non servono grandi spazi, basta a volte anche solo una parete.

Ma cos’è un teatrino senza delle belle marionette?

Ormai se ne trovano di tantissimi tipi, una più bella dell’altra, da mano e da dito, coi personaggi delle fiabe più amate o semplici e pronte a essere trasformate in mille storie diverse.

Last update was on: 18/06/2018 10:36
Kalena